CON LE ESSENZE I CAPELLI NON CADONO PIU’

Share This Article

La perdita dei capelli non colpisce, come spesso si crede, soltanto gli uomini, ma anche le donne. L’autunno è la stagione in cui, dopo lo stress estivo e lo sbalzo di temperatura che i capelli subiscono, si verifica la maggiore perdita. I capelli infatti hanno un normale ciclo di ricrescita per cui i nuovi, “di ricambio”, crescendo spingono fuori i vecchi, che vengono cosi eliminati. Questo processo di rinnovamento è normale e ha una durata che va da uno a tre mesi. Periodo in cui generalmente si ha una perdita di 50-100 capelli al giorno. Quando si verificano cadute più importanti, però, alla base vi sono vari  fattori scatenanti fra i quali:

anomalie cutanee come accesso di sebo e forfora: sensibilizzano la microcircolazione periferica e portano in alcuni casi al soffocamento del follicolo, indebolendo il capello e provocandone la caduta.

stress: può causare alopecia più o meno grave. Se in forma leggera e temporanea il capello ricresce e non è il caso di allarmarsi.

cambio di stagione: durante le mezze stagioni i cambi di temperatura a primavera e in autunno destabilizzano lo stato del capello, provocandone la caduta.

inquinamento ambientale: il lavaggio frequente, soprattutto se non accurato e senza prodotti specifici può determinare anche esso una caduta precoce.

trattamenti chimici aggressivi: tinte e colorazioni, se non delicate e utilizzate senza gli accorgimenti di un professionista, possono aggredire la cute.

fattori ereditari: l’ereditarietà è uno dei fattori genetici più importanti alla base della perdita dei capelli.

squilibri o cambiamenti ormonali: dovuti alla menopausa, diete dastriche, disturbi alimentari, anoressia e bulimia o riscontrabili nel periodo seguente una gravidanza.

carenza di vitamine: determinano la mancata formazione di cheratina, che compone unghie e capelli, determinando l’invecchiamento precoce di questi ultimi e la conseguente caduta.

 

Noi di IMAGO nel trattamento dei capelli della persona iniziamo sempre dalla cute. A chi l’ha sensibilizzata a causa della caduta dei capelli e in cui è riscontrabile una certa quantità di sebo o forfora, è nostra abitudine agire con il Ritual Trattament, una profonda pulizia della cute, consigliabile una volta al mese, che va ad eliminare la prolificazione microbica, normalizzando il cuoio capelluto e attenuando la sensazione di prurito. Le bioessenze cui ricorriamo vengono scelte in base alle esigenze del cliente e possono essere:

purificanti, per cute con forfora: all’estratto di rosmarino, tea tree, palmarosa, timo e arancio di Sicilia.

normalizzanti, per cute con eccesso di sebo: all’estratto di argilla verde, limone, arancia di Sicilia e palmarosa.

– lenitive, per cute sensibile: all’estratto di lavanda, geranio e cipresso.

– detossinanti, per eliminare le impurità di origine biologica, chimica e ambientale: all’estratto di salvia, limone, arancio di Sicilia e pepe nero.

 

Queste essenze vanno usate pure direttamente sulla cute, e agiscono in profondità grazie ad un massaggio sottopressione che va a rilassare i follicoli. In un secondo passaggio, vengono applicati argilla o gommage igienizzante, a seconda delle esigenze, cosi da asportare tutte le impurità.

Per la detersione, infine, lo shampoo è fondamentale. Nel caso, poi, che la perdita di capelli avvenga per una delle cause descritte in precedenza, il mio consiglio è di procedere con il Ritual Trattament che da IMAGO effettuiamo assieme al servizio di piega platinum, che consiste nell’applicazione di una lozione energizzante con estratto di gingseng, serenoa e Redensy, che stimola la crescita del capello agendo direttamente sulle cellule staminali del follicolo.

Leggi altri articoli

IL 2018 E’ ULTRAVIOLET

Un invito alla meditazione… Dopo il rilassante greenery del 2017, Pantone (l’azienda Usa che si occupa anche della catalogazione dei colori)punta per il 2018 su

Leggi di più »